Ecco le principali novità di carattere strettamente fiscale presenti quest’anno:

  Per chi è tornato a lavorare nel nostro Paese è prevista l’imposizione fiscale solo sul 70% del reddito del lavoro dipendente prodotto in Italia.

  A decorrere dall’anno d’imposta 2016 è possibile fruire della deduzione del 20% sulle erogazioni liberali, le donazioni e gli altri atti a titolo gratuito, complessivamente non superiori a € 100.000, a favore di trust o fondi speciali che operano nel settore della beneficienza a tuteladelle persone con disabilità grave.

✓ per le persone con disabilità grave sono previste agevolazioni per le assicurazioni sulla vita destinate a garantire una rendita alla morte dei genitori. Per tali polizze l’importo massimo detraibile è di € 750 l’anno.

✓ È riconosciuto un credito d’imposta pari al 65% (da ripartire in 3 quote annuali di pari importo) per le erogazioni liberali di ammontare fino a € 100.000, in favore degli istituti del sistema nazionale d’istruzione, effettuate nel corso del 2016 tramite bonifico bancario, utilizzando l’apposito codice IBAN.

✓ È riconosciuta una detrazione del 19% su un importo massimo di € 4.000 per i canoni di leasing pagati nel 2016, e di € 10.000 in caso di riscatto, per l’acquisto di unità immobiliari da destinare ad abitazione principale, ai contribuenti che, alla data di stipula del contratto, avevano un reddito non superiore a € 55.000. Il limite della detrazione raddoppia se il contribuente ha meno di 35 anni.

Per coloro che nel 2016 hanno acquistato un’abitazione di classe energetica A o B dall’impresa costruttrice, è riconosciuta la detrazione del 50% dell’IVA pagata.

Viene riconosciuto un credito d’imposta per le spese sostenute nel 2016 per l’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o allarme, nonchè connesse a contratti stipulati con istituti di vigilanza, dirette alla prevenzione di attività criminali.

Alle giovani coppie, anche conviventi di fatto da almeno 3 anni, in cui uno dei due componenti non ha più di 35 anni e che nel 2015 o nel 2016 hanno acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale, è riconosciuta la detrazione del 50% delle spese sostenute, entro il limite di € 16.000, per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo dell’immobile.

Viene riconosciuta una detrazione del 65% sulle spese sostenute a partire dal 2016 per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative

Lascia un commento